Human to human marketing: la strategia integrata

Human to human marketing: la strategia integrata

Appena concluso il Be-Wizard! 2015, ecco quello che ci siamo portati a casa.

A cicli continui si annuncia sul web il declino di questo e quello strumento, è stata annunciata più volte la morte del SEO, dell’email marketing, poi è stato il turno dei blog e perfino Facebook si dava per spacciato.

Nessuno di questi strumenti ha in realtà problemi di salute, continuano a funzionare  per specificità tutti benissimo – l’email ha da sola un tasso di conversione il 4300% più alto di qualunque altra attività di web marketing – ma una cosa è emersa lampante: la logica dello “scelgo il canale più adatto alla promozione della mia struttura”, quella sì che è morta.

Non si può partire più dagli strumenti di web marketing, ma dalle persone.

Non si parla più di target infatti, ma di persone, e dietro al cambio di terminologia che Paolo Zanzottera ha ben espresso, c’è molto di più, c’è un cambio di visione.

Human to human marketing, concetto nato da un libro dell’americano Bryan Kramer, presente anche lui a Rimini a raccontarci la sua idea di promozione, vuol dire proprio questo: scordarci gli strumenti e rimettere al primo posto le persone, con le loro storie e i loro linguaggi.

crp290x160-img_lastminute_53196

Storytelling è il concetto da cui ripartire: le persone con le loro storie e le loro esperienza. Non le storie delle aziende, le storie delle persone che la popolano, di quelle che l’hanno creata e di quelle che contribuiscono a renderla quella che è.

Le persone vogliono avere a che fare con le persone, con la loro autenticità, perfino con le loro imperfezioni, basta che siano reali. Solo le persone possono dare emozioni, che sono il modo migliore di raccontare un sogno, un’esperienza di viaggio.

La storia è il modo con cui le persone entrano in una relazione di empatia con gli altri.

Abbiamo visto esempi incredibili di campagne di marketing vincenti e creative, anche a low budget, sviluppate  intorno a una grande storia, tutti di hotel italiani.

Gli strumenti in questa nuova ottica servono solo a veicolare questa “storia del brand”, a declinarla in diversi linguaggi, video, testi e foto e poi a promuoverli sulle piattaforme che il web mette a disposizione.

In un mercato che spesso si appiattisce attorno ad un’offerta sempre più simile, su logiche di prezzo e di servizi, la gara con la concorrenza si vince con i contenuti.

Anche la stessa disintermediazione dalle OTA, si può giocare su questi “benefit” molto più personali e caratteristici, e meno materiali.

Un nuovo concetto di web marketing: se prima ci si concentrava sul mix di strumenti di promozione da usare e agli obiettivi commerciali da raggiungere, adesso si parte innanzitutto dalla storia della struttura da valorizzare, la sua unicità, le facce di chi la compone, la sua parte più autentica e vera, e gli strumenti entrano in campo in secondo luogo per far arrivare questa storia al nostro pubblico e conquistarlo.

E’ un atteggiamento che Bomber condivide da tempo, quello di mettere al centro la verità di un prodotto, che sia una camera, un territorio, un’esperienza di viaggio.

Il primo obiettivo da raggiungere non è un obiettivo di vendita ma di comunicazione:

perché le persone dovrebbero scegliere la tua struttura per le proprie vacanze?

Spesso molti albergatori non sanno rispondere così facilmente o ci mettono un po’ ad elaborare una frase che esprima davvero il valore aggiunto della loro attività. Invece il focus è tutto lì.

Prima ancora di iniziare a parlare di target da colpire, politiche di prezzo e attività di promozione, dobbiamo mettere a fuoco quella risposta.

Quando sappiamo spiegare bene perché siamo la migliore scelta per la vacanze di una persona/famiglia nel nostro territorio, allora possiamo fare tutto il resto.

Costruirci una storia, raccontarla con diversi linguaggi (video, foto, parole) e poi andare incontro al nostro pubblico e farci vedere con le strategie che il web marketing mette a disposizione.

E voi siete pronti a raccogliere la sfida?

 

28 Feb 2015 | Articolo in: web marketing
Condividi l'articolo
Commenta l'articolo

I nostri servizi


Vuoi più risultati dal tuo sito?

La prima consulenza è gratuita